Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Un pomeriggio all’insegna dello Stambecco al Villaggio Minatori di Cogne

comunicato stampa

Specie simbolo del Parco Nazionale Gran Paradiso ed in generale delle Alpi, lo Stambecco alpino è stato protagonista oggi pomeriggio di una duplice inaugurazione al Villaggio Minatori di Cogne. A questo animale sono infatti dedicati il nuovo allestimento realizzato da Fondation Grand Paradis grazie al progetto Interreg “SONO – Svelare occasioni nutrire opportunità” all’interno del Centro Visitatori del Parco e i dipinti e disegni di Vittorio Peracino esposti in “Vittorio per gli stambecchi”, mostra della sezione “Gran Paradiso Film Festival in mostra” nello Spazio espositivo Alpinart.
Questo grande erbivoro che oggi può essere osservato con facilità nelle praterie d'alta quota e sulle pareti rocciose delle valli del Parco, ha rischiato in passato l'estinzione e la storia della sua sopravvivenza è strettamente legata alla storia del Parco. Nel 1856 Vittorio Emanuele II dichiarò, infatti, Riserva Reale di Caccia le montagne del Gran Paradiso, e questo consentì di salvare dall'estinzione il piccolo gruppo di stambecchi, composta da meno di 100 individui, che viveva sul massiccio del Gran Paradiso. A partire da quella riserva di caccia, fu istituita, nel 1922, l’area protetta.

La travagliata storia del rischio di scomparsa dello Stambecco e molte curiosità sulle sue caratteristiche ed abitudini vengono svelate nella postazione immersiva – emozionale composta da soluzioni di allestimento e tecniche, sincrone tra loro, che immergono il visitatore nel racconto. L’esperienza è legata al tema dell’animale esposto e di fatto crea un racconto dove le immagini interagiscono con l’esemplare tassidermizzato.
Le vicende della reintroduzione dello Stambecco sull’arco alpino vengono invece raccontate attraverso i tratti e le pennellate delle opere di Vittorio Peracino, storico veterinario del Parco, scomparso nel 2018, che ha contribuito in modo significativo alla salvaguardia di questa specie, dedicando la sua vita professionale al trasferimento di individui di stambecco per favorirne la ridistribuzione sull’arco alpino, sperimentando la sedazione a distanza e creando aree di studio all’interno del Parco.

I due allestimenti sono visitabili a Cogne, nei giorni ed orari di accesso al Centro Visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso e all’esposizione sulla Miniera di Cogne (consultabili sul sito www.grand-paradis.it). Il progetto “SONO – Svelare occasioni nutrire opportunità” ha come obiettivo di favorire l’attrattività dei territori “minori”, caratterizzati da risorse ambientali e culturali ancora poco valorizzate dal punto di vista turistico.
In particolare, l’intento del progetto è dare ai visitatori la possibilità di comprendere e interpretare la storia, la complessità e la varietà del patrimonio visitato, in un percorso esperienziale che mette al centro le radici e l’identità che rendono unica la destinazione.

timeline

podcast "listening"