Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Oltre centomila euro sequestrati al Traforo del Gran San Bernardo ad un italiano diretto in Germania

comunicato stampa
Le banconote e gli assegni sequestrati al Traforo del Gran San Bernardo

Nell'ambito dell'attività di contrasto agli illeciti valutari, i funzionari della "Agenzia delle dogane e dei monopoli" della sezione antifrode e controlli dell'ufficio delle dogane di Aosta hanno scoperto, lunedì 3 ottobre, in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza, una somma di denaro non dichiarato pari a 163.510 euro.

La valuta è stata rinvenuta nel bagaglio personale di un viaggiatore italiano diretto in Germania in uscita dall'Italia attraverso il valico di confine del Traforo del Gran San Bernardo. Alla domanda di rito in merito ai beni e valori da dichiarare, il cittadino italiano ha affermato di disporre di denaro contante per meno di diecimila euro.
Nel rispetto della normativa valutaria, che stabilisce l'obbligatorietà della dichiarazione in dogana per i trasferimenti di denaro pari o superiori a diecimila euro, si è provveduto al sequestro del cinquanta per cento dell'eccedenza della somma non dichiarata oltre al sequestro cautelativo degli assegni per un valore di 108.540 euro.

timeline