Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Il senatore Albert Lanièce esprime «forte preoccupazione» per la revoca dell'Autonomia, da parte del Governo indiano, al Kashmir

comunicato stampa

«Massima vicinanza e solidarietà al popolo del Kashmir cui il Governo indiano ha revocato lo status speciale garantito fin dagli anni Cinquanta e previsto dalla Costituzione. È un fatto molto grave, che condanniamo e su cui auspichiamo una forte presa di posizione da parte del Governo italiano». 

Così intervenendo in aula a nome di tutto il Gruppo delle Autonomie, il senatore. Albert Lanièce: «Della decisione, legata alle tensioni tra India e Pakistan, quello che più colpisce è la violenza di questa scelta, compiuta da un Governo ultranazionalista e sostenuto da un’ideologia razzista, con marcate venature autoritarie».
«C’è un filo rosso – ha aggiunto Lanièce – che lega va realtà come il Kashmir e Kurdistan, la Catalogna e Autonomie speciali del nostro Paese, ossia la voglia di vivere secondo la propria cultura e di autodeterminazione, in un contesto di pace e serena convivenza coi Paesi di cui fanno parte. È un diritto che in alcun modo può essere soppresso, il Governo italiano faccia sentire la sua voce».

timeline

podcast "listening"