Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Garantito l''impegno trasversale dopo l'incontro tra i promotori della stazione "Porta Canavese - Monferrato - VdA" e l'assessore piemontese Marco Gabusi

comunicato stampa

Lo scorso martedì 1° ottobre le associazioni "Identità Comune" e "Sempre Avanti" hanno incontrato l'assessore ai trasporti della Regione Piemonte Marco Gabusi, cui hanno presentato i vantaggi della stazione di interscambio "Porta Canavese - Monferrato - VdA", che accorcia di oltre un’ora, rispetto al percorso via Torino, il tempo per raggiungere Milano ed il resto dell'Italia da Chivassese, Canavese, Monferrato e Valle d'Aosta.

«Ne benecerebbe la popolazione di questi territori negli spostamenti per lavoro, studio, turismo e relazioni con le terre di origine - spiegano, in una nota i presidenti delle due associazioni, rispettivamente Carlo Fontana e Giuseppe Vijno - in particolare i tanti che per lavorare a Milano oggi devono sobbarcarsi quattro ore di viaggio o l'alto costo di un auto a Milano. Più veloci collegamenti nazionali attraggono turismo ed investimenti imprenditoriali ed occupazionali specie verso Canavese e Monferrato che si spopolano per l'impoverimento economico. Ne deriverebbe una nuova funzionalità per le ferrovie che dal nodo di Chivasso portano ad Aosta, Casale ed Asti, facilitando il reperimento dei nanziamenti per potenziarle».

«Inoltre la stazione renderebbe possibile un funzionamento integrato delle due ferrovie "Torino - Milano" "AC/AV" e storica) per migliorare il servizio interregionale e metropolitano - sottolineano Fontana e Vijno - l'assessore Gabusi si è dichiarato d’accordo con queste argomentazioni e disponibile a sostenere un progetto che preveda la realizzazione di due accessi all'Alta velocità nei nodi più idonei a servire i bacini intermedi tra Torino e Milano: Chivasso e Novara. A questo piano, con il sostegno di Gabusi, sta lavorando il vicesindaco metropolitano Marco Marocco, coordinando Città metropolitana di Torino, Regione Valle d'Aosta e Provincia di Novara, tutte schieratesi a favore del progetto».

"All'incontro era presente Gabriele Salerno - evidenzia ancora la nota - a rappresentare il senatore Riccardo Nencini artifice, quando era vice ministro dei trasporti, del primo tavolo a Roma sul progetto con Regione, Città metropolitana, Comuni, Ferrovie e le nostre associazioni. Salerno ha presentato all’assessore la disponibilità di Nencini ad una rinnovata azione per coinvolgere il Ministero e promuovere in collaborazione con la Regione una forte iniziativa a sostegno del progetto: Gabusi ha accettato questa proposta nello spirito di un impegno trasversale per arrivare alla realizzazione del progetto".

timeline