Gentile visitatore,

se sei su 12vda è chiaro che apprezzi il nostro lavoro giornalistico, che si può leggere, ascoltare e vedere senza dover pagare nulla, nel rispetto di un'informazione libera ed indipendente.
12vda è una testata che non è supportata da lobby politiche, commerciali o sociali, e si sostiene esclusivamente con la pubblicità, che è non assolutamente invasiva, non prevede fastidiosi "pop up" o "finte notizie".

Il nostro lavoro quotidiano richiede infatti tempo e denaro ed i ricavi della pubblicità ci aiutano a tenere in piedi questa testata giornalistica.

Se leggi questo messaggio vuol dire che hai attivato un "adblocker", che blocca automaticamente e non permette di vedere la pubblicità. Nel rispetto del nostro lavoro ti chiediamo quindi di disattivarlo ed anzi, se di tuo interesse, di cliccare sui nostri banner.

In questo modo potremmo restare on line, indipendenti e liberi di raccontare la Valle d'Aosta come la vediamo noi.

Grazie.

Daria Pulz critica l'approvazione del "decreto sicurezza bis": «snaturamento del movimento dove si nascondono i "kapò" di Salvini»

comunicato stampa
Daria Pulz, consigliera regionale di 'Ambiente Diritti Uguaglianza' Valle d'Aosta

«Con la scellerata approvazione del decreto sicurezza bis galoppiamo sempre più velocemente verso il baratro della democrazia». Inizia così il commento di Daria Pulz, consigliera regionale di "Ambiente Diritti Uguaglianza" Valle d'Aosta, in merito all'approvazione, nella serata di lunedì 5 agosto, delle "Disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza pubblica", volute e sostenute dal ministro dell'Interno Matteo Salvini e passate con il voto di fiducia di 160 favorevoli, 57 contrari e 21 astenuti.

«Cosa ne pensino i leghisti e i loro satelliti è noto e sempre più irricevibile nella gravità delle disumane posizioni a cui la storia stessa presenterà presto il conto - continua la Pulz - ma che i "Cinque Stelle", anche attraverso la deputata Elisa Tripodi, abbiano votato questo ennesimo obbrobrio giuridico, questa arma di distrazione di massa (si dà in pasto ai bassi istinti popolari la maschia risposta alle odiate ONG per nascondere il vero obiettivo, economico tanto per cambiare, di soffocare i movimenti di protesta, primo fra tutti il "No-Tav"), dà la misura dello snaturamento del movimento dove si nascondono i veri kapó di Salvini».

«"Segui i piccioli", diceva Giovanni Falcone - ricorda la consigliera regionale di "Adu" - e infatti gli inesistenti problemi di sicurezza o addirittura di “invasione”, puniti con pene detentive per i capitani delle navi e con pene pecuniarie assurde che costeranno migliaia di vite, il cui sangue sporcherà le mani di coloro che hanno votato questa legge fascista, fanno da cortina per il vero  obiettivo, cioè mettere fine,  in maniera cruenta, a venticinque anni di protesta per un’opera inutile e dannosa: non a caso un articolo è “dedicato” a punire chi dissente, a vietare anche le protezioni per difesa e tutto potrà essere facilmente definito oltraggio».

«Anche l'astensione del senatore Albert Lanièce - aggiunge Daria Pulz - eletto con i voti del Partito Democratico, ci pare grave. In un articolo pubblicato sul "Corriere dell'Alto Adige", si riportano le posizioni di Dieter Steger e di Meinhard Durnwander (Svp): "Non è il nostro governo - spiega il senatore Steger - ma ci sono segnali sull'ordine pubblico. In Alto Adige come in tutto il Paese c'è una richiesta crescente di sicurezza. Certo non tutta la proposta è condivisibile in toto, ma ci sono segnali che paiono andare nella direzione di dare risposte". L'articolo poi precisa che questi sono "punti di vista condivisi nello stesso gruppo da Albert Lanièce, rappresentante della Union Valdôtaine"».

«Si tratta indubbiamente di un segnale di rilevante apertura politica su un tema delicatissimo - conclude la consigliera regionale - quello della pseudo sicurezza costruita ad arte sulla pelle degli ultimi, linea di celodurismo che sembrerebbe quindi pericolosamente condivisa dall'attuale maggioranza regionale oltreché da buona parte della minoranza, sempre più nazionalizzate negli aspetti deteriori e troppo bui».

timeline

podcast "listening"